Sulla libertà di espressione degli omofobi

18 03 2015

Supponiamo che io domani abbia una giornata molto, molto sgradevole. Una di quelle in cui, come si dice, “mi sale il nazismo”. Poiché mi è salito il nazismo, decido di girare un v-log in cui dico che gli ebrei sono inferiori, condendo il tutto con svastiche e roba simile.

Cosa pensate accadrebbe dopo?

Ipotizzo:

  • Un flame che non finisce mai
  • Telefonate dagli amici in cui mi si chiede che cazzo sto facendo
  • Gli animalisti condividono il mio video dicendo che questi sono i malvagi protestini
  • Pro-test mi sbatte fuori dal direttivo, perché non può permettersi di associarsi così strettamente a un nazista
  • Litigo con un po’ di finti amici su internet, e forse anche con quelli veri
  • I giornali di oggi sono spesso disperatamente a caccia di notizie. C’è caso che finisca su qualche quotidiano
  • Al prossimo colloquio di lavoro tutti si ricorderanno del mio video nazista e difficilmente mi assumeranno
  • Gli ebrei che conosco mi tolgono il saluto
  • Gli ebrei che non conoscono si segnano il mio nome per boicottarmi se dovessero incrociare la mia strada

E via elencando, possono esserci molte altre conseguenze.

Vi sembrano strane o esagerate queste?

Supponendo che il mio video fosse serio, che esprimesse dunque davvero le mie opinioni senza intenti satirici … In quel caso direi che sono conseguenze normalissime. Ho detto delle cose, anche piuttosto gravi, subisco delle conseguenze, anche piuttosto gravi.

“E la libertà di espressione, eh? Eh?! EH?!”

È arrivato il momento opportuno per parlare della libertà di espressione e delle rappresentazioni esagerate cui è sottoposta. “Non sono d’accordo con te, ma darei la vita per il tuo diritto di dire la tua opinione”… Non l’ha manco detto Voltaire. E siamo sicuri che sia vero? Anche se sapessimo che quella è una bugia? Anche se fosse una bugia potenzialmente dannosa?

Io non credo che daremmo la vita per permettere a qualcuno di sparare minchiate offensive e pericolose. Al massimo potremmo a fatica tollerare pacificamente in nome del quieto vivere che il soggetto in questione le dica.  Ma non significa che poi debba starci anche simpatico, che dobbiamo esserci amici, andarci a cena insieme, dargli bacini sulla guancia. I rapporti sociali non funzionano così, non dobbiamo a tutti amicizia, simpatia e amore. Dobbiamo a tutti un minimo costituzionale di tolleranza, ma non di più.

Penso che questa vignetta riassuma benissimo il concetto.

Libertà di espressione significa solo che, in teoria, uno dovrebbe poter dire ciò che vuole senza poter essere incarcerato. Non significa nient’altro, non significa che ci piaccia quello che dice, non significa che non subirà giudizi negativi, boicottaggi, contestazioni; non significa che non sarà escluso da certi circoli, che non sarà bannato da un forum su internet o in generale che non subirà nessuna conseguenza personale per ciò che dice, anzi! È sicuro che se si muove male subirà delle conseguenze! Solo, non sarà arrestato.

E qui inizia e qui finisce la libertà di espressione: puoi esprimerti senza essere arrestato (e senza essere picchiato o ucciso, ça va sans dire, ma il diritto a non essere picchiati o uccisi è già tutelato).

Ancora una volta si confonde un principio legislativo con un principio etico universale … la legge ha dei suoi criteri, ma c’è tutto un campo dei comportamenti umani su cui la legge non ha voce in capitolo. Libertà di espressione non può in nessun mondo possibile significare “dire ciò che si vuole senza alcuna conseguenza né giudizio negativo”; quando si dice qualcosa si subiscono conseguenze e si viene giudicati. Se non volete essere giudicati male e dunque essere allontanati o emarginati o boicottati, tacete.

Dunque arriviamo al punto del titolo: gli omofobi si lamentano della loro libertà di espressione, messa in pericolo dalla legge Mancino aggiornata Scalfarotto, dai boicottaggi di Barilla o di Dolce & Gabbana e da tutta una serie di altre cazzate.

È vero?

La risposta è no, perché la libertà di espressione come la intendono loro, cioè al di sopra di qualsiasi possibile conseguenza, non esiste, non è mai esistita, non l’ha mai avuta nessuno nella storia.

È in pericolo la loro libertà di esprimersi senza conseguenze, nel senso che aumenteranno le conseguenze negative per ciò che dicono? Sicuramente quello sì, ma è normale, già ora non sono liberi di dire qualsiasi cosa senza nessuna conseguenza, e nemmeno io lo sono; anche quello che sto scrivendo qui può avere conseguenze. Certo le conseguenze che gli omofobi subiranno andranno ad aumentare nel tempo, ma non, o non principalmente, per la legge Scalfarotto.

Quando gli omofobi erano maggioranza schiacciante e dettavano legge, dirsi a favore anche solo della libertà di essere omosessuali era pericolosissimo. Magari non ti mandava in galera (non sempre almeno), ma ti faceva diventare un reietto della società, ti inimicava tutti, ti attirava addosso critiche, offese, boicottaggi eccetera … più o meno come se oggi uno si dicesse favorevole alla pedofilia, per intenderci. Dunque la gente non si sentiva liberà di farlo, anche se magari la legge non lo puniva.

Ciò è perfettamente normale: un’opinione attira critiche e conseguenze negative. Se nella situazione specifica quelle critiche siano giuste è da valutarsi nel merito dei contenuti. Se mi dite “è giusto o è sbagliato che un’opinione sia giudicata negativamente e boicottata?”, io, che non amo l’ipocrisia, vi dirò onestamente e abbastanza banalmente che dipende dall’opinione; alcune meritano di essere boicottate, altre no. Me che un’opinione minoritaria, bugiarda e offensiva sia repressa attraverso le reazioni negative che stimola è fisiologico.

Il dibattito pubblico non è un luogo pacifico. Certo, le persone non vengono uccise per quello che dicono, in una democrazia. In una battaglia di idee non devono esserci per forza persone fra le vittime. Ma che in una battaglia di idee ci siano idee fra le vittime è scontato. Nelle battaglia di idee  che si sta combattendo sul fronte dei diritti LGBT c’è un ideale molto dannoso, quello omofobico, che deve necessariamente morire, o quanto meno trovarsi con le gambine spezzate. Se i diritti LGBT trionferanno come sembra stia accadendo, all’omofobia non resterà un osso intero.

Oggi se dicessi che gli ebrei secondo me sono una razza inferiore non lavorerei più da nessuna parte; se fossi un imprenditore la mia azienda fallirebbe. È normale e in questo caso anche giusto che sia così. Se l’omofobia sarà sconfitta definitivamente nessuno potrà pensare di dire che gli omosessuali sono inferiori senza rischiare le medesime conseguenze; ciò accadrà naturalmente, ci sono già dei passi promettenti in quella direzione. Quindi sì, Eugenia, mettiti l’anima in pace, è esattamente quello l’obbiettivo: che tu abbia un attimino di timore e ci pensi due volte prima di sparare puttanate omofobiche. Ed è un obbiettivo del tutto normale; forse che voi non fate la stessa identica cosa? Adesso la tua degna compare Costanza Miriano pubblicizza la sua scelta di comprare D&G per sostenerli, il che non è che un boicottaggio al contrario, stesso principio. E poi, dai, lo sappiamo tutti qual è la strategia che state operando ad esempio nelle scuole. State cercando di coinvolgere quella ristretta minoranza di genitori che sono “dalla vostra” per causare ogni genere di problemi a insegnanti o formatori che facciano informazione sulle tematiche LGBT nelle scuole. Anche un solo genitore piantagrane per scuola può dare bei problemi; voi lo sapete, e infatti il vostro obbiettivo è che chi conduce progetti educativi contro l’omofobia incontri tante di quelle rogne da ripensarci. Tu e i tuoi volete spaventarci, volete che ci pensiamo due volte prima di dire che gli omosessuali devono avere gli stessi diritti degli eterosessuali, e aggiungo: tu vuoi che noi gay ci pensiamo due volte prima di dire che siamo gay.

Io voglio che tu ci pensi due volte prima di provare a boicottare la mia vita. Che vuoi farci, noi gay siamo ipersensibili e permalosi.

Quella di Elton John che invita a boicottare Dolce & Gabbana non è affatto una “aggressione fascista”, è una sua libera opinione e linea di azione politica, come lo è quella di Dolce & Gabbana, che hanno deciso per qualche ragione di dar manforte al già attrezzato movimento omofobico italiano. Se loro sono liberi di dire che sono contro le famiglie omosessuali, aiutando così i gruppi omofobici nelle loro battaglie discriminatorie, invitare le vittime di queste discriminazioni che essi contribuiscono ad alimentare a boicottarli è il minimo. Pensare che Elton John debba trovare simpatici Dolce & Gabbana nonostante tutto, e non sia libero di pronunciarsi contro di loro se essi fanno delle affermazioni omofobiche… quello è davvero fascista.

Che cosa pensate di fare, signori “siamo troppo ricchi per interessarci di diritti civili”? Cosa pensate di fare, Eugenia Roccella & co.? Pensate di poter costringere la gente a comprare spaghetti Barilla e profumi Dolce & Gabbana?

Questo no, davvero non lo potete fare, non in nome della libertà di espressione. Se lo fate in nome del fascismo è ok, ma non in nome della libertà di espressione. Se scelgo di comprare Dolce & Gabbana è una mia libera scelta in un libero mercato, fatta per motivi miei che non sono neanche tenuto a spiegare. Se scelgo di non comprarla, idem. Che è un po’ lo stesso discorso fatto una volta con Barilla … ficcatevelo in testa: se a me non piace come si acconcia i capelli Barilla, posso decidere di non comprare più Barilla per quella ragione, e non siete nella posizione di frantumarmi gli zebedei. I politici devono stare attenti a ciò che dicono per non perdere voti, gli stilisti culattoni devono stare attenti a quello che dicono per non perdere clienti. Se il mio barbiere mi chiama “frocio” o mi fa un qualsiasi altro sgarbo io non vado più da lui, è mio diritto essenziale non andare più da lui, e non solo: dirò a tutti che è stato maleducato con me suggerendo agli altri potenziali clienti di non andarci per questa ragione.

Ed è quello che CHIUNQUE farebbe. Fascismo? Miei cari, se questo è il fascismo, siamo tutti fascisti. Ma Eugenia Roccella e Gabbana più di me: almeno io non mi sono mai permesso di pensare che lei debba per forza amare il Gay Pride o trovarmi simpatico che se no è “fascista”.

Ricorda molto i totalitarismi, con solo alcune piccole differenze; tipo che lo stato non è intervenuto, che non ci sono stati arresti né multe, che non è stata usata nessuna violenza e che Panorama è libero di scrivere che secondo lui siamo di fronte ad una censura tipo quella dei totalitarismi. Dettagli.

“Ma non è una reazione esagerata l’invito al boicottaggio?”

Ma proprio PER NIENTE! È un mezzo di lotta politica assolutamente ordinario, è una reazione così immediata, semplice e banale da essere perfino definibile come una delle più blande. C’è in corso una battaglia politica. Il boicottaggio di per sé è uno strumento di battaglia politica, ed uno semplice e a bassissimo contenuto di violenza; come mezzo è assolutamente normale, anche troppo moderato. Il boicottaggio è l’equivalente politico di smettere di andare dal barbiere maleducato. L’invito al boicottaggio è l’equivalente politico di raccontare a tutti che è un cafone. E se continuate ad andare dal barbiere che è un cafone con voi… ragazzi miei, a meno che non sia l’unico barbiere della città, siete voi che siete scemi, non io che son fascista.

Ovviamente, questo non significa che tutti i boicottaggi siano buoni; come ho già detto altre volte, il mezzo non giustifica i fini, al massimo il contrario. Quindi no, ovviamente non giustifico per esempio il boicottaggio delle associazioni animaliste verso le raccolte fondi per la ricerca; no, non giustifico l’anti-boicottaggio di quegli omofobi che si sono scoperti fan di D&G. Giustifico i boicottaggi che ritengo giusti, condanno quelli che non lo sono. Di per sé, il boicottaggio non è né giusto né sbagliato, è solo un normale strumento di lotta politica, nobilitato o immiserito dallo scopo della battaglia (potrei aggiungere che è anche relativamente pacifico, ma non lo farò: è uno strumento di battaglia, le battaglie non sono pacifiche, non esistono strumenti di lotta politica “pacifici”)

E la mia battaglia quale sarà? I miei boicottaggi, dunque, sono buoni o cattivi? Dove vogliono arrivare? Quali sono i miei dittatoriali e perfidi intenti?

Mettiamola così: se veniste a sapere che una persona della vostra compagnia parla male di voi alle vostre spalle, cosa vi piacerebbe che accadesse? Probabilmente non vi spingereste a ucciderla o malmenarla, ma sicuramente non ci restereste amici, cerchereste per quanto possibile di non vederla, probabilmente si inizierebbe a pensare che vi sta antipatica e la compagnia tenderebbe a dividersi … alle meno peggio, parlereste male anche voi di lei, sperando che finisca con l’essere esclusa dalla compagnia in modo da non doverci più avere a che fare. Se la vostra compagnia vi trova molto simpatici e preferisce perdere l’amicizia dell’altro piuttosto che la vostra, probabilmente ciò accadrà.

Questo è quello che auspico accada agli omofobi. Che siano esclusi dalla compagnia, che ci pensino due volte prima di dire che i gay sono “contro natura” o che devono curarsi; e non perché qualcuno nel caso li mandi in carcere, ma perché quando lo dicono si alienano la compagnia (la società).  Un giorno gli amici non li inviteranno più a cena sapendo che sono omofobi, e loro per questa ragione probabilmente decideranno di smettere di dirlo o di dirlo di meno. In questo modo sarebbero sostanzialmente ridotti all’impotenza e io sarei perfettamente soddisfatto.

No, non li vorrei vedere in carcere. Sarebbe come picchiare quella persona che parla male di voi, no? Certo, una parte di me fa quella fantasia, come una parte di me fantasizza di prendere a pugni chi mi sta antipatico … ma non penserei mai di farlo davvero. Sarebbe esagerato, inappropriato salvo casi estremi, e creerebbe pure un martire. Ma la Mancino non manda mai in carcere nessuno e non incomincerà certo adesso che vogliono mutilarla col salvavescovi. Fondamentalmente la Scalfarotto è utile soprattutto, per non dire soltanto, per il suo valore simbolico: lo stato riconosce che l’omofobia non è un valore civile. È un passo importante perché la società tutta inizi a riconoscerla come incivile.

E questo gli omofobi lo sanno e lo temono. Non temono affatto il carcere, sanno che non ci andranno mai. Temono il giorno in cui non saranno invitati a cena dagli amici perché  hanno parlato male dei gay.

E hanno ragione, è una prospettiva concreta, e se fossi in loro la temerei anche io.

Deo gratias, non sono in loro.

 

Ossequi.

Annunci

Azioni

Information

16 responses

19 03 2015
ilmentitore

L’ha ribloggato su Il Paradosso del Mentitore.

19 03 2015
dmitri

Mi pare che grande importanza, in tutto questo, abbia cosa vogliamo fare entrare in omofobia. Si è creata un clima di isterica caccia alle streghe nel quale un omosessuale contrario all’affitto dell’utero (circonlocuzione per definire altro) sia omofobo. Si abusa, troppo spesso, di parole contrapponendo non-argomenti e svilendone il significato.

19 03 2015
dmitri

È, non “sia”.

19 03 2015
lostranoanello

Ha importanza, infatti vi ho risposto in questo articolo e in questo.

19 03 2015
lostranoanello

Ciò detto, sì, essere contrari a priori alla gestazione per altri perché si teme che gli omosessuali possano diventare genitori è ovviamente omofobia.
Ogni sentimento antigay non razionalmente giustificato è omofobia.
E io non ne conosco di razionalmente giustificati.

19 03 2015
shevathas

Forse chiarirsi sui temi sarebbe opportuno: cosa si intende per “gestazione per altri”? se due (MF) vogliono farsi un pupo possono tentarci e se hanno fortuna riescono. Gli altri casi (MM, FF, MF sfigati) invece richiedono l’intervento di terze persone, e questo pone ulteriori problemi, simili a quelli che sorgono, ad esempio, con l’adozione.
L’adottato che rapporti deve avere con la famiglia d’origine? ha diritto di sapere chi siano stati i suoi veri genitori, se ha altri fratelli o sorelle?
Mi sembra che a sollevare simili questioni non si rischi di essere bollato come “adozionofobo”.
Perché invece sollevarle quando si parla, ad esempio, di fecondazione eterologa o di “utero in affitto” significa venire accusati di bigottismo o di omofobia?

19 03 2015
lostranoanello

Please… dire che i bambini concepiti in vitro sono “sintetici” ti sembra sollevare problemi? Dire che va vietata, vietata, assolutamente vietata e basta perché nons ono figli veri, come fanno Adinolfi e i suoi, significa essere problematici?
Eddai, per favore, non facciamoci menare per il naso da questi personaggi. Dire quel genere di cazzate non è un approccio problematico alla cosa, è l’esatto contrario di un approccio problematico. Quello è solo, tanto per cambiare, un attacco strumentale alle coppie gay, come ampiamente dimostrato dal fatto che i buffoni come Adinolfi che lottano tanto contro la gestazione per altri non sono a favore delle adozioni per single e coppie gay, che sarebbero il modo più semplice per “combattere” la gestazione per altri.
Che poi secondo me non va affatto combattuta, ma quello è un altro paio di maniche e se ne parlerà un’altra volta.

19 03 2015
shevathas

Adinolfi sta sulle balle anche a me, è uno che si spara pose da bigotto per raccattare il sostegno (e i voti) dei bigotti. Ciò non toglie che esistano problemi e criticità legati alla procreazione medicalmente assistita e dei quali sarebbe interessante parlarne.

19 03 2015
lostranoanello

Ci sarà modo di parlarne, io faccio presenti i fatti: la questione della gestazione per altri così come la presentano i cattolici o come l’hanno presentata Dolce e Gabbana è una questione di omofobia e basta.

19 03 2015
kd

Ma non è “illegale” o qualcosa del genere il boicottaggio?

19 03 2015
lostranoanello

Proprio no. E’ inconcepibile che sia illegale, non puoi costringere la gente a comprare certi prodotti invece di altri.

20 03 2015
jonsnow30

In una certa gradazione il boicottaggio “sarebbe” illegale
http://gaiaitalia.it/sito2002/attack/Attack_asp_legali_BOICOTT.html
Rimanendo a tema, non è il caso di Barilla né D&G, lo sarebbe con Israele, ma quella è una storia diversa.

14 04 2015
Lupesio

Sul principio hai ragione, nessuno deve giustificarsi perché ha sulle balle un altro in base ai suoi comportamenti e, nell’ambito della legge, ha tutto il diritto di reagire, però il paragone che hai fatto è tendenzioso. Dire che non è conveniente che i gay adottino non è come dire che gli ebrei sono inferiori (in che senso, poi?); però un conto è dire che un tizio dovrebbe avere meno diritti di un altro perché si chiama Samuel Goldstein, un conto dire che l’ebraismo come ideologia è una cagata cosmica (e visto che sei ateo come me, immagino che sia anche la tua opinione).
Tu hai il diritto di non essere d’accordo, di non comprare i miei prodotti, di non invitarmi a cena, di tapparti le orecchie quando parlo e urlare per non sentirmi, però il punto è se è il caso di avvalersene quando una persona solleva argomentazioni o se è il caso di controbattere.
Nella fattispecie, io sono convinto che non è questione tanto di orientamento sessuale, ma di essere uomo o donna: per me il riconoscimento della paternità dovrebbe essere volontario, per cui se una lesbica decide di farsi ingravidare e tenere il bambino con la compagna dovrebbe essere libero di farlo, ma il padre dovrebbe non dovrebbe avere il dovere di mantenere il bambino. Nel caso di una coppia di uomini la problematica etica è diversa, dal momento che l’uomo non può partorire né allattare; per cui il caso dell’utero in affitto presenta delle problematiche etiche che dovrebbero essere affrontate, che non possono essere liquidate come lo sproloquio di un Adinolfi.
Il fatto è che sul tema ci si sta dividendo tra fazioni, da una parte gli omofobi e dall’altra il voler ignorare delle problematiche effettivamente esistenti per non passare da omofobi.

14 04 2015
lostranoanello

“Gli ebrei non dovrebbero poter adottare bambini”.

Ti pare antisemita? A me un pochetto sì.

“però il punto è se è il caso di avvalersene quando una persona solleva argomentazioni o se è il caso di controbattere.”

Si fanno tutt’e due le cose, come faccio io e come fa ogni altro cittadino politicamente impegnato sulla faccia della terra. E poi né Adinolfi né Dolce & Gabbana hanno mai portato argomentazioni, solo clichè. Non saprei proprio a cosa rispondere.

” il caso dell’utero in affitto presenta delle problematiche etiche che dovrebbero essere affrontate, che non possono essere liquidate come lo sproloquio di un Adinolfi.”

In realtà è mia impressione che le problematiche etiche non siano così marcate, ma fa niente, visto che l’utero in affitto non lo usano solo i gay né principalmente gay, quindi non si capisce come abbia fatto a diventare un elemento centrale del dibattito sui diritti LGBT.
Se c’è qualche problematica etica più in generale sulla gestazione per altri vuol dire solo che la cosa deve essere ben regolamentata, ma continuo a non capire cosa c’entrano la legge Scalfarotto o il DDL Cirinnà. A meno di credere veramente a quell’assurdità cervellotica che si è inventato Adinolfi: gay che vanno all’estero, si fanno il figlio con l’utero in affitto e poi usano la stepchild adoption per far riconoscere la genitorialità al partner. Ma dico io, anche se volessimo ammettere che un simile procedimento cervellotico e costosissimo diventasse una cosa comune, a quel punto allora sarebbe molto meglio almeno garantire al bambino di avere due genitori con la stepchild adoption! O pensa che una coppia così determinata ad ottenere la genitorialità si farebbe fermare dal fatto che non c’è la stepchild adoption? E poi son tutti discorsi che non esisterebbero se si permettesse alle coppie gay di adottare.
Devo ammettere una volta di più che la lobby cattofascista di Adinolfi & co. è estremamente astuta; fra i tanti colpi da maestro che ha portato a segno c’è anche questo: essere riuscita a spostare il discorso dai diritti LGBT all’utero in affitto, che coi diritti LGBT non c’entra una sega. E il tutto continuando a usare la cosa per aggredire il popolo LGBT!
Cazzo se son bravi…

Poi, visto che c’è grande richiesta, ho già mezzo scritto anche un articolo sulla gestazione per altri, che per me è una pratica accettabilissima, appena pronto lo pubblicherò. Ma MI RIFIUTO di considerare la gestazione per altri come una questione di diritti LGBT, MI RIFIUTO di assecondare questa manovra propagandistica.

Quanto a Dolce & Gabbana, si gioca sempre a spostare il discorso, come si fece ai suoi tempi con Barilla… Barilla disse varie cose, fra cui la più grave e che gli valse le meritate critiche era che l’unica famiglia fosse quella tradizionale. QUELLA era la ragione per cui fu criticato; ma i media destrorsi raccontarono che era stato criticato perché non voleva mettere gay nelle sue pubblicità …
Ed è quella stessa opinione la ragione principale per cui Dolce & Gabbana sono stati giustamente criticati: aver affermato che per loro l’unica famiglia è quella tradizionale, cosa gravemente offensiva per tutte le famiglie non tradizionali. Ma che cazzo ce ne frega come LGBT dell’utero in affitto? Poi per carità, di cagate ne han dette anche su quel tema lì… ma aver definito un bambino nato da gestazione per altri “sintetico” non è offensivo per i gay. E’, molto più in generale, offensivo della dignità umana.

20 04 2015
Lupesio

Sono d’accordo che l’utero in affitto non è una questione specifica degli omosessuali, e sono d’accordo che Adinolfi non esprime argomentazioni e pertanto non si presta a controargomentazioni. Quanto al discorso dell’adozione, sono perfettamente d’accordo con la stepchild adoption anche per gli omosessuali: se un bimbo perde entrambi i genitori e ha una zia omosessuale a cui vuole bene, è chiaro che lei e l’eventuale compagna sono le persone più indicate per l’adozione. Oppure, una è omosessuale e vive con la compagna; si fa inseminare e la compagna firma un foglio con cui si assume la potestà genitoriale del figlio.
Per “problematiche etiche” non dico che sono contrario; dico che è una questione che si presta potenzialmente ad abusi, come del resto le stesse adozioni, anzi di più: nel caso delle prime, il bambino è già nato, nel caso dell’utero in affitto esso viene fatto nascere appositamente.
La problematicità sta in questo semplice fatto: un figlio partorito da una donna omosessuale, di default, è sotto la tutela di questa, per cui ci vorrebbero buoni motivi per cui lo stato glielo toglie e lo dà in affido. Una coppia di uomini non può partorire, per cui lo stato si prende la responsabilità di affidarlo a loro; è una situazione più delicata, ma in linea di principio non vedo maggiori problemi etici rispetto ad affidarlo ad una coppia etero.

7 12 2015
La poetica del piccione | Lo Strano Anello

[…] “artistica” un’opinione gravemente offensiva a uno strato significativo della popolazione, la tua fama e il tuo successo ne risentano. Ma puoi consolarti, Giuseppe: hai perso fan gay, amici dei gay, genitori dei gay, simpatizzanti […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: