Il cristiano cattolico razionale ossimorico

4 02 2013

La mia serie di listati sui buffi personaggi che ci capita di incontrare in rete o nella vita reale include, fra gli altri, il filosofo da cocktail party, lo scientista da birreria degli amici, il qualcuno che era comunista. Ammetto che è stato impossibile resistere alla tentazione di introdurre un’ulteriore personaggio, nonostante l’eccessiva facilità e quasi la banalità con cui si può sfottere il “cristiano cattolico razionale ossimorico” (chiamato anche da alcuni “cristiano cattolico razionalizzante”) renda l’impresa quasi indegna del mio genio artistico. Mc Pio2

Il cristiano cattolico razionale ossimorico non è un membro di un’associazione o di un gruppo specifico. È un modo d’essere, un modo d’essere speciali, diversi dagli altri e gran fighi ribbelli. Ma ribbelli non nel senso dei fancazzisti comunisti, ribbelli nel senso buono dei bravi ragazzi studiosi cattolici. Ribbelli contro i ribbelli, diciamo, ribbelli al quadrato o anche al cubo.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico di sicuro non è razionale, o almeno non a tempo pieno. Ma deve rispondere a tanti altri requisiti.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico non è necessariamente cristiano cattolico. Può essere anche protestante o ateo; l’importante è che si appiattisca completamente sulla dottrina sociale della Chiesa.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico deve essere laureato.

Ripensandoci, non è necessario che il cristiano cattolico razionale ossimorico sia laureato, basta che sia andato all’università.

Ri-ripensandoci, non è necessario che il cristiano cattolico razionale ossimorico sia andato all’università, basta che conosca qualcuno laureato.

Ripensandoci ancora una volta, non è necessario neanche che il cristiano cattolico razionale ossimorico conosca qualcuno che è laureato, basta che conosca qualcuno che ha sentito parlare qualcun altro che ha assistito ad un comizio organizzato dal Movimento per la Vita in cui parlava uno che aveva sentito dire qualcosa da qualcuno che aveva studiato toelettatura del cane e del gatto all’università ma si era ritirato.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico accetta la teoria di Darwin. Se proprio deve …

Il cristiano cattolico razionale ossimorico però ogni tanto qualche dubbio ce l’ha che in effetti possiamo essere spuntati dal terreno come margherite. Per questo ogni tre per due avanza delle riserve e dei distinguo sull’evoluzione.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico non accetta più la teoria di Darwin se si inizia a pensare che il fatto di essere biologicamente animali come tutti gli altri possa avere conseguenze sulla nostra visione del mondo.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico pensa che Einstein, Leopardi, Marx, Nietzsche, Freud e Maryilin Manson, sotto sotto, siano o fossero sostanzialmente cattolici. O quanto meno clericali.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico non è un problema se sei ateo, basta che ti comporti sempre e comunque come un cristiano.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico non è un problema se sei ateo, basta che vivi la cosa con tormento, tragedia ed autocommiserazione. Il problema è quando vuoi essere un ateo sano, tranquillo e integrato nel sociale (che è lo stesso problema che ti pone se sei omosessuale).

Il cristiano cattolico razionale ossimorico ama tantissimo Freud quando dice che l’omosessualità è una forma di narcisismo.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico odia tantissimo Freud quando dice che la spinta fondamentale di tutti i comportamenti umani è la libido e che la religione è la nevrosi ossessiva dell’umanità.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico pensa che la rivoluzione sessuale sia frutto di un malvagio progetto massonico che punta a creare una nuova razza di uomo “sessualmente variabile” ispirato alle teorie di Wilhelm Reich, psicologo freudiano dal cui lavoro nascerà la bioenergetica.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico ti convince che esistono cure contro l’omosessualità citandoti un famoso pseudo-psicologo seguace delle teorie della bioenergetica che la pensa così.

In generale, il cristiano cattolico razionale ossimorico ti dà ragione pure a Dawkins, se dice qualcosa di sufficientemente dittatoriale, illiberale e sessuofobico.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico la scienza l’ha inventata la Chiesa.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico non c’è mai stato alcun contrasto fra scienza e religione.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico ritiene che la scienza confermi sempre quello che dice la Chiesa. E se non lo fa vuol dire che si sbaglia la scienza.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico non è ciò che dice la Chiesa ad essere campato in aria, è la realtà che deve smetterla di non volervi corrispondere!

Il cristiano cattolico razionale ossimorico è un gran figo ribbelle anticonformista, è controcorrente, è cattivo, ma è anche il buono, perché è l’unico che ha il coraggio di essere cattivo e dire le cose come stanno  – nella sua testa almeno. Tipo Batman, non è l’eroe di cui abbiamo bisogno ma quello che ci meritiamo (ma che abbiamo fatto per meritarcelo…?). Per questo non è mai politicamente corretto.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico stappa una bottiglia di champagne per ogni lettere di insulti che riceve, perché è la conferma che è davvero “controcorrente” e “scomodo”, e dunque figo.overconfident UCCR

Il cristiano cattolico razionale ossimorico sta sul cazzo a tutti, ma non perché è un borioso buffone, ma perché è troppo “scomodo” e “duro” ciò che dice. Un po’ il Fabri Fibra dei bigotti.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico quando legge Pontifex si dice “Sì, va be’, è giusto quello che dite, ma potevate scriverlo un po’ più politicamente corretto, se no che figura ci facciamo da cattolici?”.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico pretende che si sia politicamente corretti verso la Chiesa.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico non è un integralista. È solo uno che sostiene la dottrina sociale della Chiesa così com’è, per intero, in ogni ambito della vita personale, pubblica e dello stato, e senza alcun cedimento anche minimo in nessun punto.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico non è un clericale, ritiene solo che l’opinione delle gerarchie ecclesiastiche debba influenzare pesantemente l’azione dei governi democratici.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico pensa che Giovanardi sia una delle più grandi autorità mondiali in ambito pedagogico, insieme a mia zia.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico crede che “consenso scientifico” voglia dire “consenso della solita cricca di professori clericofascisti”.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico la bontà e la bravura di un intellettuale si misurano da quanto di ciò che dice si ritrova anche nel Catechismo.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico non importa se sei una delle menti scientifiche più celebrate ed influenti del secolo passato e forse del presente: se sei ateo (o peggio, anticlericale!) non vali niente, e anche tutto il tuo lavoro di ricerca non vale niente. E ti vesti pure male.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico gli scienziati VERI sono più o meno una ventina, e ha deciso lui quali sono.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico interpreta la scienza più o meno come il magistero della Chiesa: crede che ci sia uno vestito meglio che parla e tutti gli debbano obbedire.

Il bello è che il cristiano cattolico razionale ossimorico generalmente quello da vestire meglio se lo sceglie fra i reietti che non caga nessuno.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico la massima autorità mondiale nel campo della biologia è un insegnante di scienze delle superiori in un liceo italiano.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico esistono non solo “autorità scientifiche” cui tutti devono chinare il capo (i famosi venti-venticinque ricercatori accuratamente selezionati), ma esistono anche “autorità filosofiche”. E non è tutto, di norma si incarnano nella stessa persona! È dunque estremamente plausibile che l’insegnante di scienze delle superiori di cui sopra divenga improvvisamente non solo un’autorità scientifica, non solo la MASSIMA autorità scientifica che si ricordi, ma anche un’autorità filosofica, e anche qui la MASSIMA che si ricordi.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico quello che dice un professore universitario misconosciuto a caso in due righe di intervista rappresenta l’insindacabile parere della scienza.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico la fisica quantistica è la prova del trascendente, perché dimostra che le leggi fisse della scienza non sono sufficienti a spiegare il mondo.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico le leggi fisse della scienza sono la prova che Dio esiste, perché non possono essere lì per caso.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico il fatto che Dio non esista è la prova che Dio esiste.

Per il Cristiano cattolico razionale ossimorico se il sangue vecchio di duemila anni resta rosso brillante e non supera i test di laboratorio, non significa che non è sangue, ma che è sangue miracoloso.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico pensa che la fecondazione sia terminata tipo trenta secondi dopo l’atto sessuale, e che dopo dentro l’utero ci sia un essere umano completo.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico un farmaco che ha causato un decesso su un milione di utilizzi è un gravissimo pericolo di salute pubblica e non va mai usato (ma non vale se si tratta dell’aspirina)

Il cristiano cattolico razionale ossimorico non ha idea di cosa sia la carica virale, per questo pensa che il fatto che attraverso un preservativo possano passare alcune centinaia di particelle virali durante un rapporto sessuale rappresenti una falla critica nella sicurezza.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico propone una spendida soluzione contro il contagio da HIV: smettere tutti di fare sesso per tutta l’eternità.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico non si fa MAI influenzare nelle proprie affermazioni di ambito sociale o scientifico da pregiudizi dovuti al fatto di essere cattolico. Infatti, visto che è così, la gente si domanda sempre perché ci tenga tanto a specificare di essere o affidarsi a un medico cattolico, uno psichiatra cattolico, un fisico cattolico, un parrucchiere cattolico, e via discorrendo.

Le uniche tre fonti di informazione del cristiano cattolico razionale ossimorico sono Il Giornale, Il Foglio e il sito del Movimento per la Vita.

Spesso e volentieri il cristiano cattolico razionale ossimorico è sovrapponibile allo scientista da birreria degli amici.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico tutto ciò che la civiltà europea ha ottenuto di buono oggi deriva dall’azione della Chiesa.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico la civiltà europea di oggi non contiene nulla di buono ed è tutto un disastro.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico non se la sente di negare che la Chiesa Cattolica nella propria storia possa aver commesso anche qualche piccolo erroruccio, perché è composta di uomini fallibili. Però, oh, da quando si ricorda lui non ha più sgarrato di una virgola! Tutto giusto! Eccetto forse qualche deriva troppo modernista nel Concilio Vaticano II …

Il cristiano cattolico razionale ossimorico, quando ha sentito il fanatico religioso americano dire che dall’ano degli omosessuali nascono dei demoni, ha commentato “Be’ be’ be’… Forse questo ha un poco esagerato. Non credo che le cose vadano proprio esattamente in questo modo.” Dopodiché è andato a cercare il tipo per un’intervista a proposito di questa interessante ipotesi scientifica.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico ha paura dell’invasione degli islamici, perché teme che ci costringeranno in uno stato teocratico in cui l’unica opinione che conta è quella delle autorità religiose, la legge viene scritta basandosi sui tesi sacri, i diritti umani passano in secondo piano,  in cui donne e omosessuali sono cittadini di serie B e la scienza e l’insegnamento sono completamente asserviti agli scopi della dottrina religiosa.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico si augura che un giorno l’Europa possa diventare uno stato teocratico in cui l’unica opinione che conta sia quella delle autorità religiose, la legge venga scritta basandosi sui tesi sacri, i diritti umani passino in secondo piano,  in cui donne e omosessuali siano cittadini di serie B, e la scienza e l’insegnamento siano completamente asserviti agli scopi della dottrina religiosa.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico quasi quasi un po’ ci spera nell’invasione degli islamici, così dopo potrà dire “non eravamo meglio noi, che i gay invece di impiccarli li spingevamo soltanto all’emarginazione e al suicidio?!”

Il cristiano cattolico razionale ossimorico è a favore della sperimentazione animale, non tanto per la scienza, ma perché usare le bestiole a nostro piacimento è sempre utile a ricordarci quanto gli uomini siano creature divine e gli animali non lo siano.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico la colpa della crisi demografica è dei gay.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico evidentemente i gay devono essere qualcosa tipo il 50% della popolazione europea, e in India non esistono.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico è contrario alle coppie gay perché sono sterili e non producono figli.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico è favore del celibato dei preti e della castità dei monaci.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico ha un potente orgoglio virile, che però si ferisce molto facilmente.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico “lotta all’omofobia” vuol dire propagandare pregiudizi antiomosessuali con ogni respiro, ma ricordandosi di dire ogni tanto “non picchiate gli omosessuali, o almeno non fino a mandarli all’ospedale”.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico pensa che tutto sommato in Italia l’omofobia non esista, e che, se un ragazzo si suicida perché preso in giro fino allo sfinimento da chi lo considerava effeminato, quella non è omofobia. Sarà tipo effeminofobia, ma non omofobia.

Se un ragazzo si suicida perché discriminato in quanto ritenuto gay, il cristiano cattolico razionale ossimorico la prima cosa che si domanda è “Ma era gay davvero? No perché se lo era un po’ se lo meritava”.

Se Amnesty International denuncia l’omofobia in Italia, il cristiano cattolico razionale ossimorico sa bene come agire in risposta: chiarendo a tutti che Amnesty International è un’associazione di cazzari nullafacenti comunisti di cui non ci si può fidare.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico è gay. Ma è riservato.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico pensa che il cristianesimo sia la forza più potente che esiste sulla terra.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico pensa che la forza più potente che esista sulla terra sia vittima di un gigantesco complotto da parte di poteri invincibili, oscuri e distruttivi in grado di controllare i governi, gli intellettuali, i filosofi, il mondo della scienza, il popolo e perfino un discreto numero di preti e teologi cattolici.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico il potere invincibile oscuro e distruttivo in questione è l’UAAR.

Anzi, no! Per il cristiano cattolico razionale ossimorico effettivamente la scienza non è sotto il controllo di un complotto, perché ricordiamoci che gli scienziati VERI sono d’accordo con la Chiesa, è il restante 99.999% che sbaglia.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico se non sei d’accordo con lui sei relativista.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico il relativismo è la piaga dell’Italia. Anzi dell’Europa. Anzi dell’Universo. Anzi, di tutti gli universi alternativi immaginabili.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico Hitler era relativista.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico lo scandalo pedofilia nella Chiesa ha varie cause: il complotto dei mezzi di informazione, il relativismo (ovviamente), i gay (ancora più ovviamente). In ogni caso fra le cause non c’è la negligenza della Chiesa.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico quando vuole dire che una cosa è “brutta” o “immorale” dice “è relativista!”

Le cose che piacciono al cristiano cattolico razionale ossimorico sono definite “naturali”.

Le cose che NON piacciono al cristiano cattolico razionale ossimorico sono da esso chiamate “contro-natura”, o in alternativa “relativismo”. Ad esempio, se non gli è piaciuto “Avatar” dirà che “Quel film porta avanti un’ideologia relativista”; se non gli piace la granita alla fragola dirà che “La natura della fragola non prevede che essa venga spappolata e mescolata al ghiaccio tritato, ma che essa venga mangiata intera e sparga i suoi semi sulla terra attraverso le nostre feci in una prospettiva d’amore aperta alla vita”.

Conseguentemente, il cristiano cattolico razionale ossimorico chiama il modello familiare occidentale, in uso in Italia negli ultimi cento-duecento anni, “famiglia naturale”.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico la famiglia non è l’ipotetico contesto sociale che costituisce l’ambiente ideale per l’alleanza fra coniugi e per la crescita dei figli fino a farne adulti indipendenti, ma il contesto ideale per la fecondazione.

In questo modo, il cristiano cattolico razionale ossimorico azzera in un colpo solo qualsiasi differenza significativa fra termini usualmente considerati distinti, ovvero “famiglia”, “sveltina”, “stupro”, “preservativo bucato”.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico vota sempre PdL, perché è fermamente persuaso che il modello familiare in uso in Italia nel ventesimo secolo sia minacciato, e NON da cose come la legittimazione di adulterio e prostituzione agli occhi dell’opinione pubblica operata da Berlusconi, ma dai gay monogami.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico è contro l’aborto, perché non è che una facile soluzione con cui le donne fuggono dalle proprie responsabilità.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico è contro l’aborto, perché per le donne è una scelta veramente difficile ed estrema, che non può che lasciarle traumatizzate a vita e a cui esse non vorrebbero mai giungere se non vi fossero spinte dalla propaganda della’ideologia della morte.

Malgrado il mio blog non meriti lettura, il cristiano cattolico razionale ossimorico a volte accidentalmente ci capita sopra.

Se gli capiterà di leggere qui, il cristiano cattolico razionale ossimorico probabilmente mi citerà l’opinione di qualche suo illustre scienziato (sempre uno di quei venti) secondo il quale io sono scemo, e sarà da considerarsi come prova scientifica che sono scemo.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico pensa che se uno era un coglione e si è convertito al cattolicesimo (o almeno al clericalismo) adesso non è più un coglione. Sbaglia, la coglionaggine è come l’energia, in un sistema isolato la sua somma è costante.

La testa del cristiano cattolico razionale ossimorico è da considerarsi “un sistema isolato”, che non scambia materia o energia con l’esterno.

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico il Cristianesimo sta vincendo. No, aspetta, sta perdendo. No, un attimo, sta vincendo. Però forse sta perdendo?

Per il cristiano cattolico razionale ossimorico la Chiesa sta perdendo. Ma alla fine prevarrà, perché essa rappresenta la GIUSTIZIA!  *parte il requiem di Mozart*

Il cristiano cattolico razionale ossimorico è più perseguitato degli ebrei, delle pulci sugli animali domestici, di Gesù, di Berlusconi e di Povia messi tutti insieme.

Il tipo di persecuzioni a cui si riferisce il cristiano cattolico razionale ossimorico trovano un ottimo esempio in questo blogpost. Che comunque non merita particolare considerazione.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico difende il papa, perché lui NON HA DETTO PRECISAMENTE che la “ferita della pace” a cui si riferiva erano le unioni gay. Lo ha fatto capire chiaramente e senza possibilità di equivoci, ma non l’ha detto.

“E poi anche se l’avesse detto esplicitamente avrebbe perfettamente ragione.” (cit. Il cristiano cattolico razionale ossimorico)

Il cristiano cattolico razionale ossimorico non è scemo, ha l’“intelligenza di Dio”.

Il cristiano cattolico razionale ossimorico è la dimostrazione che anche i cattolici possono usare il cervello. Ma che non hanno alcuna intenzione neanche di provarci.

Tutto il mondo attende ansiosamente che il cristiano cattolico razionale ossimorico si converta all’Islam e si levi dalle palle. Se ci sarà l’invasione islamica sarà senz’altro il primo a farlo.

Annunci

Azioni

Information

21 responses

4 02 2013
ClaudioLXXXI

Mi spiace, ne hai azzeccate pochissime. Ritenta sarai più fortunato.
Un cristiano cattolico razionale.

4 02 2013
lostranoanello

Davvero? E allora come fai a dire che si sta parlando di te, visto che non corrisponde? E poi sicuramente ho azzeccato quelle riguardo al fatto che mi leggevi 😀
Comunque grazie caro, è sempre bello avere dei fan ^^

23 04 2013
Mjolnheim

U mad, atheistfag? xD

23 04 2013
lostranoanello

Actually, me amused, godfag 😉

6 07 2013
XIP

Ottima questa parodia dell’UCCR.
Molto più sincera e molto più REALISTICA di quanto riesca a fare l’UCCR stesso quando parla di sè stesso.

6 07 2013
Roby

La mia più totale ammirazione.

22 08 2013
SebastianoPistore

Questo articolo è bellissimo!
Credo di corrispondere abbastanza al soggetto descritto ( nota il lemma: non persona ma soggetto, fa più distaccato ).

L’unica ambito al quale credo di corrispondere poco è quello sessuale ( non che non lo consideri importante, è che certi atteggiamenti mi sembrano inutili ). In compenso sono molto intollerante nell’ambito dottrinale ( ma questo è difficile da vedere nella vita di tutti i giorni; Mi capita talvolta con dei sacerdoti ).

Cerco di apparire razionale e scientifico più che posso: sono un tomista e leggo Le scienze tutti i mesi per poter parlare con un minimo di cognizione di causa delle varie discipline.

E dovrò pure sembrare uno intelligente invece che un contadino del 700, no? 🙂 🙂 🙂

23 08 2013
lostranoanello

Be’, che dire, la parte che odio di più è proprio quella sessuale, con tutta la discriminazione omofobica che si porta dietro 😛
Non che le farneticazioni da alto medioevo di Pennetta sul creazionismo siano simpatiche, ma sono un peluzzo meno dannose ^^’

20 02 2014
lupesio

Quella sul suicidio dei gay però mi sembda tirata per i capelli. In Italia, ogni anno, si suicidano migliaia di adolescenti, per i motivi più diversi. Se di questi se ne suicida uno gay che non si sente accettato non vuol dire niente; altri si suicidano perché derisi in quanto grassi o brutti, e quindi bisogna dare la colpa alla grassofobia o alla bruttofobia. Sarebbe più significativo vedere se la percentuale di omosessuali tra gli adolescenti suicidi è la stessa o diversa che non tra gli adolescenti che non si suicidano. Ci sono tre possibilità:
1) È maggiore, che può significare due cose: o che l’omofobia è un problema serio e che è responsabile di suicidi adolescenziali, oppure che l’omosessualità è correlata con una depressione che può portare al suicidio; in questo secondo caso, ci sono due possibilità: o l’omosessualità è causa di depressione, quindi è un disagio mentale per cui sarebbe bene cercare una cura, oppure esistono alcune forme di depressione associate con alcune forme di omosessualità, pur essendo possibile essere omosessuali per altri motivi, un po’ come la correlazione tra gli occhi a mandorla e l’essere ritardati (che non esclude di avere gli occhi a mandorla perché di origini asiatiche o di essere mentalmente ritardati senza essere down)
2) Non c’è correlazione, e quindi l’omofobia è una forma di maleducazione cone tante altre, da non prendere sul serio
3) Essere gay è correlato con l’essere più resistenti a sindromi depressive, oppure la discriminazione contro i gay li rende più resistenti e meglio equipaggiati ad affrontare disagii interiori.

20 02 2014
lostranoanello

Ora non ho i dati sottomano, ma è risaputo che gli adolescenti (e gli adulti) gay sono più soggetti a suicidio (se ben ricordo il doppio). E’ anche fenomeno ampiamente studiato la correlazione fra omonegatività interiorizzata, discriminazione e malessere psicologico fra i gay. Quindi il tuo enigma non è così difficile: i gay sono più soggetti a depressione e suicidio, e lo sono fondamentalmente per via delle difficoltà sociali e di autoaccettazione che incontrano.
Ovviamente su questo bisogna andarci con un po’ di buon senso e rispetto della diversità come principi guida, perché come in tutte le questioni psicologiche in realtà è IMPOSSIBILE avere uno studio quantitativo che ci metta una pietra sopra. Ad esempio, se volessimo vedere se gli omosessuali stanno male solo perché sono discriminati, ci servirebbe un gruppo di controllo di omosessuali non discriminati. Ma non esiste allo stato attuale uno studio sulla depressione dei gay non discriminati perché è impossibile selezionare un simile campione con la necessaria purezza. Noi gay siamo sempre soggetti quanto meno a livelli standard di minority stress, ovvero il solo fatto di essere una minoranza di “diversi” è causa di stress (ma non può essere definita “malattia” per questo, anche un’intelligenza superiore è associata a minority stress, ma non è mica una malattia), quindi non si potrà mai fare uno studio su un campione di gay non discriminati. Noi avremo sempre e comunque almeno uno stress: quello di doverlo spiegare ai genitori senza poterne prevedere la reazione, o quello di dover spiegare al prossimo, che dà per scontato che siamo etero, che invece siamo omo e quindi questo persistente senso di diversità che non potrà mai essere del tutto sradicato. A meno di cambiare completamente i parametri sociali, ovvero prendendo il nostro campione di controllo da una società in cui l’omosessualità è del tutto normale. Solo che non avrebbe senso mettere a confronto quantitativamente campioni estratti da società così differenti fra loro dal punto di vista culturale…

8 03 2014
Raffaele

Io mi chiedo, divergiamo enormemente sulla questione animale, ma siamo pressoché simmetrici sulle questioni che, con ironia e intelligenza, hai trattato in questo post.

Posso dire che diocane mi dispiace? 🙂

9 03 2014
lostranoanello

Siamo in un paese libero 😛

10 03 2014
Raffaele

Tra l’altro non solo su questo post, ma anche su temi come le libertà civili, la libertà scientifica, le posizioni liberali.

Comunque sì, siamo in un paese libero, non ancora esattamente come vorremmo, ma sì.

11 04 2014
Pippo

la fede, è un atto di fede per definizione, come fa ad essere razionale ?

11 04 2014
lostranoanello

Hanno un’idea di razionalità estremamente particolare.

17 10 2016
minstrel

Dunque lei non ha mai RIconosciuto un cattolico.

17 10 2016
lostranoanello

Di cattolici ce ne sono in troppe salse per parlare generalmente di “cattolici” come tipologia.

18 10 2016
SebastianoPistore

È vero, ci sono tanti tipi di cattolici, però per definizione sono tutti cattolici. Come ci sono tanti tipi di auto ma tutte sono auto, il fuoristrada come la city car: se devi spiegare cos’è un’auto non parti dicendo “esistono vari tipi di auto, distinguibili l’una dall’altra per l’alimentazione, la cilindrata ed interasse”. Ma dici che “l’auto è un è un veicolo munito di ruote che, spinto da un motore solitamente a scoppio e condotto da un guidatore, è in grado di spostarsi autonomamente sulla superficie terrestre allo scopo di trasportare un limitato numero di passeggeri.” Allo stesso modo puoi fare con i cattolici, definendoli come “cristiani che riconoscono la validità dei canoni dei 21 concili ecumenici e delle dichiarazioni dogmatiche del Papa”.
Almeno, questo per me sighnifica essere cattolico.

18 10 2016
lostranoanello

Be’, se concludi dicendomi “questo per ME significa essere cattolico”, sottrai un bel po’ di universalità alla cosa, ti pare? 😛
Io ho un grande rispetto per le persone e soprattutto riconosco loro una grande libertà di definire sé stesse in modo autonomo (purché abbia ancora senso).
Conosco varie brave persone che si dicono cattoliche, quindi lascerò il più possibile pulita la parola, nonostante includa soggetti che la sozzano a livelli che manco con l’acquaragia…

18 10 2016
SebastianoPistore

Ma parli sempre come un politico? Se uso una formula di cortesia non significa che parta dal presupposto di non aver ragione. La uso… per cortesia! Cosa vuol dire “definire sé stesse in modo autonomo”? Se uno è cattolico lo è anche se non studia teologia, così come un non cattolico non diventa cattolico dicendo di esserlo (e forse ne conosco alcuni).

18 10 2016
lostranoanello

Non ho capito cosa intendi per parlare come un politico, ma vbb.
Intendo che le definizioni dipendono dall’uso, non galleggiano nell’aria; se un certo uso del termine diventa invalso in popolazione quello diventa l’uso effettivo.
La definizione di cattolico o non cattolico non è una sulla quale mi prema così tanto trovare il punto di incontro univoco, ve la gestirete voi cattolici. Per me se uno viene è battezzato e viene a dirmi che si sente cattolico a me non costa proprio nulla chiamarlo cattolico indipendentemente dal fargli l’esame su cosa crede o cosa non crede.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: